martedì 23 ottobre 2018

Palermo 25 ottobre, Alla libreria del Mare si presenta il saggio di Alessandra Rita Sardina, “Storie di accoglienza possibile. L’inserimento dei richiedenti asilo nel Villaggio del Pescatore di Duino”, Edizioni Progetto Accademia


Appuntamento giovedì 25 ottobre, alle 17 e 30, alla Libreria del Mare di via Cala 50, a Palermo, per la presentazione del saggio di Alessandra Rita Sardina, “Storie di accoglienza possibile. L’inserimento dei richiedenti asilo nel Villaggio del Pescatore di Duino”, Edizioni Progetto Accademia. Converserà con l’autrice Valentina Vivona, psicologa clinica e scrittrice (”I mocassini di ‘Īsā”, presentazione di Cécile Kashetu Kyenge, prefazione di Balla Moussa Koulibaly, Edizioni La Zisa).

Il libro: Alessandra Rita Sardina, “Storie di accoglienza possibile. L’inserimento dei richiedenti asilo nel Villaggio del Pescatore di Duino”, Edizioni Progetto Accademia, pp. 340, euro 16,00 (ISBN 978-88-85536-09-8)

Nell’autunno del 2014 venivano trasmesse in televisione le immagini degli scontri tra le forze dell’ordine e i residenti di un quartiere della periferia di Roma, che cercavano di impedire l’arrivo di un gruppo di richiedenti asilo in un edificio della zona. Ricordo che quello è stato il momento in cui, per la prima volta, mi sono chiesta se inserimenti di questo tipo potessero avvenire senza violenza, e quali potessero essere le modalità attraverso cui far accettare ai cittadini la presenza dei migranti negli spazi della nostra vita quotidiana. L’occasione per rispondere alle mie domande si è presentata nel corso del mio tirocinio presso l’Ufficio Immigrazione della Prefettura di Trieste. Lì, infatti, sono venuta a conoscenza dell’esperimento di accoglienza che si era appena concluso in una piccola frazione del Comune di Duino, Villaggio del Pescatore, che aveva avuto come protagonisti 14 richiedenti asilo provenienti da Afghanistan, Pakistan e Gambia. Il presente lavoro esplora le motivazioni per cui ritengo l’esperimento di Villaggio del Pescatore un modello positivo di accoglienza diffusa.

Alessandra Rita Sardina (Palermo, 1989), dopo la laurea triennale in Traduzione, italiano L2 e interculturalità, conseguita nel 2013 all’Università degli Studi di Palermo, decide di proseguire gli studi in Cooperazione interculturale allo sviluppo presso la Scuola superiore di Lingue moderne per interpreti e traduttori di Trieste. In occasione di un tirocinio formativo presso la Prefettura di Trieste, si avvicina al mondo dei richiedenti asilo presenti in città, e decide di avviare uno studio etnografico sull’accoglienza di questi ultimi da parte della comunità, che confluirà nella sua tesi di laurea specialistica.